L’Associazione internazionale si prefigge di conservare e trasmettere alle future generazioni le tecniche e lo Spirito dell’antica scuola Katayama-ryu iai kenjutsu.

Nuovi arrivi

  • HOME »
  • Nuovi arrivi

Jirinden (40) Se creiamo uno spazio a destra, i movimenti del nemico saranno liberi.

Tomekata uki ni narite, uchikata no hataraki ni jiyū naru(Heishū Jirinden, Vol. II, Deai gashira)
“Se colui che para crea un vuoto a destra, i movimenti di colui che attacca diverranno liberi.”

  Se la persona che riceve l’attacco di spada crea uno spazio vuoto a destra (右虚, uki: spazio vuoto sul lato destro del corpo) i movimenti dell’avversario diventano liberi; la causa è perché [chi riceve] non avanza affatto e non insegue l’avversario.
Anche se il nemico sta attaccando la mano destra (kikite: la mano dominante), chi riceve non sarà in grado di fermare l’attacco se c’è un’apertura alla sua destra. Gli oggetti che galleggiano salgono solamente verso l’alto; per scendere si deve cambiare la loro attitudine. E’ essenziale capire che si viene sconfitti quando non è possibile reagire velocemente al nemico.

  Tuttavia, detto ciò, se spingiamo in avanti verso il nemico la punta della spada nonostante il vuoto sul lato destro, anche se la mano destra non può essere colpita, se il nemico modifica la propria azione, getta la spada, si abbassa infilandosi con il suo corpo e carica il nostro sulle spalle, finiremo per prestare il nostro slancio all’avversario e diventeremo perdenti, rotolando con semplicità. Questo è l’errore di essere stati attratti visivamente solo dalla spada dell’avversario.
(Presentato da Yuji Wada, Costantino Brandozzi, Rennis Buchner, Constantin von Richter)

PAGETOP
Copyright © 片山流 神武之会 All Rights Reserved.
Powered by WordPress & BizVektor Theme by Vektor,Inc. technology.